Ambito Territoriale N19

Affido Familiare

 

Mediazione Familiare

 

Centro Diurno Polifunzionale

Collocamento residenziale o diurno presso famiglie, di minori che vivono in famiglie in stato di temporanea difficoltà per il mantenimento, l’educazione e l’istruzione dei propri figli (Legge n°. 184/83, 149/01, D. G. M. 4425/96 Affido diurno).

La mediazione familiare è un intervento professionale rivolto alle coppie e finalizzato a riorganizzare le relazioni familiari in presenza di una volontà di separazione e/o di divorzio, ma interviene anche per affrontare situazioni di crisi e di conflitto nella relazione genitori-figli.

L’Accoglienza nei centri diurni polifunzionali è prevista per i minori che necessitano di un forte sostegno educativo e che vivono in condizione di disagio personale e familiare attuando un sostegno dopo l’orario scolastico.

Adozione Nazionale e Internazionale

 

Tutoraggio Educativo

 

Strutture residenziali

L’adozione è un istituto giuridico che offre ai minori in stato di abbandono una famiglia adeguata che garantisca la loro crescita. La legge prevede l’adozione di minori residenti in Italia (adozione nazionale) e l’adozione di minori stranieri residenti all’estero (adozione internazionale).

Il tutoraggio individuale è un servizio domiciliare destinato a minori in condizione di svantaggio. Prevede assistenza domiciliare, accompagnamento, attività ludico-ricreative e sportive, sostegno psicologico e scolastico, sostegno e promozione del ruolo genitoriale, attività sociali e culturali fuori sede.

Accolgono  soggetti minorenni  privi di un ambiente familiare idoneo alla crescita e per i quali non è praticabile un affido familiare e necessitano di una collocazione extra familiare.

Affido Familiare

Descrizione
Il servizio è rivolto ai minori temporaneamente privi di un ambiente familiare idoneo alla loro crescita. Il servizio prevede l’inserimento del minore in un nucleo familiare diverso da quello di origine per un periodo di tempo limitato e necessario al superamento del momento di disagio e/o di difficoltà del nucleo familiare di origine. In ogni Distretto Sociale istituita una specifica struttura denominata Servizio Affido e Adozione d’Ambito (S.A.A.T.) composta da un’equipe multidisciplinare che è responsabile per ciascun caso di affido del progetto educativo individualizzato.
Il servizio sociale professionale insieme al S.A.A.T. su indicazione del Tribunale per i Minori predispone l’Istituto dell’affido. La presa in carico può avvenire anche a seguito di segnalazione da parte di altre istituzioni presenti sul territorio.
Il regolamento del servizio prevede l’erogazione di un assegno mensile a sostegno delle spese affrontate dalle famiglie per i minori. Il contributo è erogato dal comune di residenza del minore accolto.

Destinatari
Il servizio si rivolge a tutte le famiglie dell’Ambito N19 che vivono una difficoltà e a quanti sono esposti a situazioni di rischio sociale.

Modalità di accesso
Accesso differito subordinato alla valutazione del bisogno curata dall’equipe del servizio

Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico o alle due Unità S.A.A.T., una presso il Comune di Afragola e l’altra presso il Comune di Caivano. 

Adozione nazionale ed internazionale

Descrizione
I servizi per l’adozione nazionale e/o internazionale hanno l’obiettivo di sensibilizzare, informare ed orientare le famiglie sul percorso adottivo e di uniformare le informazioni date dai vari soggetti preposti alla fruizione del percorso adottivo e di seguire le famiglie lungo il percorso di adozione e di sostenerle nei momenti di difficoltà. I servizi hanno anche il fine di tutelare il minore e I sui diritti e di stimolare la coppia a prendere coscienza delle proprie capacità e dei propri limiti in rapporto sia al ruolo genitoriale che alle specifiche caratteristiche del minore da adottare o adottato.
Destinatari
Il servizio si rivolge a tutte le coppie e famiglie dell’Ambito N19 che si trovano in una delle seguenti condizioni:

  • abbiamo fatto richiesta di adozione nazionale o internazionale;
  • abbiamo un minore in affido pre-adottivo;
  • abbiamo adottato uno o più minori.

Modalità di accesso
Accesso differito – subordinato alla valutazione dell’idoneità delle coppie e famiglie che hanno fatto richiesta di adozione da parte del servizio sociale professionale e del S.A.A.T.  su indicazione del Tribunale per i Minori.

Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico  o alle due Unità S.A.A.T., una presso il Comune di Afragola e l’altra presso il Comune di Caivano. 

Mediazione Familiare

Descrizione
La mediazione familiare è un intervento professionale rivolto alle coppie e finalizzato a riorganizzare le relazioni familiari in presenza di una volontà di separazione e/o di divorzio, ma interviene anche per affrontare situazioni di crisi e di conflitto nella relazione genitori-figli. Essa promuove l’autonomia decisionale delle parti e facilità le competenze, la motivazione al dialogo e la fiducia reciproca con l’obiettivo di prevenire forme di disagio dei minori coinvolti nelle situazioni di crisi degli adulti.

Destinatari
Il servizio si rivolge a tutte le famiglie dell’Ambito N19 che vivono una difficoltà e a quanti sono esposti a situazioni di rischio sociale.

Modalità di accesso
Accesso differito-subordinato ad un’iniziale colloquio con un operatore del servizio di segretariato sociale o antenna sociale e alla somministrazione di una scheda di accesso per una prima analisi del bisogno espresso per poi predisporre il percorso di presa in carico dall’equipe multidisciplinare del servizio Centro Famiglia. La presa in carico può avvenire anche a seguito di segnalazione da parte di altre istituzioni presenti sul territorio (Tribunale per i Minori).

Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico dove è istituito il Centro Famiglia-Consulenza della Mediazione Familiare.  

Tutoraggio Educativo

Descrizione
L’intervento di tutoraggio è rivolto ai minori in età compresa fra i 3 e i 18 anni con problemi relazionali, di socializzazione, comportamentali ed esposti a rischio di devianza. Il servizio ha lo scopo di rafforzare i legami del minore nel sistema delle relazioni significative per la sua vita, e, al contempo, fornire allo stesso minore e alla sua famiglia un’opportunità di crescita sociale. Si predispone un percorso di “affiancamento”, un operatore-tutor che seguirà il minore in  tutta la serie di interventi predisposti nel piano educativo individuale.

Destinatari
Il servizio si rivolge a tutti i minori e famiglie residenti nei comuni dell’Ambito N19 e, in via prioritaria, a coloro i quali necessitano di un supporto sia a causa di un’esigenza di natura psico-sociale, sia in ragione di un bisogno legato al percorso formativo.

Dove
Presso il domicilio o altri luoghi significativi per il minore.

Modalità di accesso
Accesso differito-subordinato ad un’iniziale colloquio con un operatore del servizio di segretariato sociale o antenna sociale e alla somministrazione di una scheda di accesso per una prima analisi del bisogno espresso per poi predisporre il percorso di presa in carico dall’equipe multidisciplinare di Tutoraggio Educativo. La presa in carico può avvenire anche a seguito di segnalazione da parte di altre istituzioni presenti sul territorio.

Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico dove è istituito l’equipe multidisciplinare di Tutoraggio Educativo.

Centro Diurno Polifunzionale

Descrizione
Il Centro diurno polifunzionale è un servizio articolato in spazi multivalenti, che si colloca nella rete dei servizi sociali territoriali. Offre possibilità di aggregazione finalizzata alla prevenzione di situazioni di disagio attraverso proposte di socializzazione tra minori e di identificazione con figure adulte significative. Offre sostegno e supporto alle famiglie.

Attività
Il centro svolge le proprie attività per un minimo di 4 e fino a 10 ore giornaliere. Il Centro diurno polifunzionale è caratterizzato da una pluralità di attività ed interventi che prevedono lo svolgimento di funzioni quali l’ascolto, il sostegno alla crescita, l’accompagnamento, l’orientamento.
Il Centro può organizzare, a titolo esemplificativo, attività sportive, ricreative, culturali, di supporto alla scuola, momenti di informazione, vacanze invernali ed estive, somministrazione pasti, in relazione agli orari di apertura. Tutte le attività del Centro sono aperte al territorio.

Destinatari
Minori residenti nei comuni dell’Ambito N19 e, in via prioritaria, ai minori appartenenti a nuclei familiari che presentano problematiche di tipo socio-economico- educative o comunque esposti a situazioni di rischio.

Modalità di accesso
Accesso differito-subordinato ad un’iniziale colloquio con un operatore del servizio di segretariato sociale o antenna sociale e alla somministrazione di una scheda di accesso per una prima analisi del bisogno espresso per poi predisporre il percorso di presa in carico dall’equipe multidisciplinare del servizio in esame. La presa in carico può avvenire anche a seguito di segnalazione da parte di altre istituzioni presenti sul territorio.

Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico

Elenco Centri Diurni Polifunzionali presenti nel territorio dell’Ambito N19
Centro Sociale Polifunzionale di
Indirizzo
Orari attività
Responsabile
Centro Sociale Polifunzionale di Caivano
Indirizzo
Orari attività
Responsabile

Strutture residenziali

Descrizione
Le Comunità per minori sono strutture socio-assistenziali ed educative che accolgono soggetti minorenni privi di un ambiente familiare idoneo alla crescita e per i quali non è praticabile un affido familiare e necessitano di una collocazione extra familiare a seguito di segnalazione e provvedimento del Tribunale per i Minorenni.
Le strutture si suddividono in:

  • Casa Famiglia;
  • Comunità Alloggio;
  • Gruppo Appartamento.

Queste strutture assicurano il funzionamento nell’arco delle 24h per tutto l’anno e prevedono una costante azione educativa, di assistenza, tutela, gestione della quotidianità ed organizzazione della vita alla stregua di quanto avviene nel normale clima familiare, con il coinvolgimento dei minori. L’équipe che opera nelle strutture mette in atto azioni volte a dare risposta ai bisogni dei minori, alla realizzazione del progetto educativo individualizzato, al rientro nei propri contesti familiari, ovvero alla realizzazione di programmi di affido o di adozione.
Destinatari
Minori residenti nei comuni dell’Ambito N19 che si trovano in:

  • Stato di abbandono o sottoposti a provvedimenti dell’autorità giudiziaria in attesa di provvedimento definitivo;
  • Privi di cure parentali con un bisogno urgente di ospitalità;
  • Stato di pericolo;
  • Situazioni di forte disagio socio familiare che rendono necessario l’intervento in una struttura protetta.

Modalità di accesso
Accesso differito – subordinato all’esito di Valutazione del Servizio Sociale Professionale
Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico