Ambito Territoriale N19

Assegni di cura

Assegni di cura per persone non autosufficienti Descrizione

L’assegno di cura è un contributo economico finalizzato a sostenere economicamente i familiari che sostengono direttamente o indirettamente (e cioè avvalendosi dell’aiuto di altre persone non appartenenti al nucleo familiare) i congiunti che si trovano in condizione di malattia e di non autosufficienza lieve/media/grave, favorendone la permanenza nel proprio contesto familiare ed evitandone l’istituzionalizzazione impropria.

Destinatari

Famiglie residenti nei Comuni dell’Ambito Territoriale N19 (Afragola, Cardito, Crispano e Caivano) che garantiscono direttamente o indirettamente prestazioni socio-assistenziali a familiari valutati non autosufficienti e, prioritariamente, a familiari disabili gravissimi che versano in condizione di dipendenza vitale e necessitano di assistenza continua e vigile 24 ore su 24.

Modalità di accesso

Accesso differito – subordinato all’esito dell’Unità di Valutazione Integrata (UVI), composta da professionisti del comparto sociale e sanitario che effettuano una “diagnosi” del bisogno socio-sanitario complesso, valutando il grado di autosufficienza della persona da assistere ed elaborando un Progetto Assistenziale Personalizzato. Sulla base della valutazione in sede di UVI, sarà elaborata una graduatoria degli aventi diritto agli assegni di cura ed, a parità di punteggio, verrà fatta un’ulteriore valutazione utilizzando un’appositaGriglia di Valutazione delle Priorità” (Allegato B). Avrà diritto al contributo l’utente utilmente collocato in graduatoria, fino a concorrenzadelle risorse disponibili.

Presentazione della domanda

Coloro che intendono fare richiesta dell’assegno di cura, dovranno presentare al Segretariato Sociale  del Comune di residenza, il modello di domanda (Allegato A) esibendo la richiesta di valutazione UVI redatta dal Medico di Medicina Generale o dal Pediatra di Libera Scelta della persona da assistere.

Importo dell’assegno e durata dell’erogazione

Per l’anno 2015, indipendentemente dalle condizioni economiche dell’assistito e del suo nucleo familiare, la quota di assegno è definita in € 700,00 mensili per un massimo di 12 mesi e trasferita con cadenza bimestrale fino a concorrenza delle ricorse disponibili.L’erogazione degliassegni di cura è subordinata agli stanziamenti regione vincolati e appositamente destinati, oltreche all’effettivo trasferimento delle risorse finanziaria al Comune capofila di Afragola.

Per informazioni

Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza. Vedi giorni e orari di apertura al pubblico.

AMBITO N19_ DISCIPLINARE ASSEGNI DI CURA

Allegato A_ASS. DI CURA

Allegato_B_ASS. DI CURA

Delibera n.30

decreto_dir884_2014

ProgettoHome Care Premium

L’Ambito Territoriale Sociale n19 ha aderito al ProgettoHome Care Premium 2012 proposto dall’Inps-Gestione Ex Inpdap che prevede interventi e servizi di assistenza domiciliare a favore delle persone non autosufficienti. I soggetti beneficiari del progetto sono  dipendenti o pensionati, della gestione ex Inpdap, i loro coniugi conviventi e i loro familiari di primo grado, non autosufficienti, residenti nell’ambito territoriale n19.

L’Ambito Territoriale Sociale n19 ha adottato il Regolamento in materia di compartecipazione alla spesa da parte degli utenti alle prestazioni sociali e sociosanitarie che fa esplicito riferimento a quanto disposto dal D.Lgs 31 marzo 1998, n. 109 e successive integrazioni e dal DPCM 221 del 07/05/1999 e successive modificazioni.
Le norme del presente regolamento si applicano a tutti i servizi e le prestazioni sociali a domanda individuale erogate dai comuni dell’Ambito.

Programma Sperimentale a favore degli ammalati SLA
La Regione Campania ha destinato un finanziamento all’ Ambito Territoriale Sociale n19 per promuovere un’azione sperimentale volta a sostenere le famiglie che abbiano in carico una persona affetta da SLA o da altre malattie del motoneurone attraverso l’erogazione di assegni di cura che coprono la quota di spesa sociale delle prestazioni sociosanitarie domiciliari svolte dai familiari in sostituzione di altre figure professionali a titolarità sociale.

Centro Sociale Polifunzionale

Assegno di cura per ammalati di SLA ed altre malattie del motoneurone

Centro Diurno Integrato

Attività di socializzazione e ricreazione per minori e adulti disabili.

L’assegno di cura è destinato ai familiari che assumono il carico di cura degli ammalatidi SLA e di altre malattie del motoneurone in sostituzione degli operatoti sociali.

Forniscono assistenza continuata ed attività ricreative e di socializzazione con soluzione abitative protette.

Cure domiciliari Integrate socio-sanitarie

Cure domiciliari sociali

Residenze sanitarie

Forniscono alla persona disabile prestazioni socio-sanitarie al fine di favorire la permanenza nel loro ambiente di vita, e consentendo loro una soddisfacente vita di relazione.

Forniscono interventi sociali tesi all’integrazione della persona disabile.

Ospitano per un periodo variabile persone disabili che non possono essere assistiti in casa e che necessitano di specifiche cure mediche.

Assistenza Scolastica

Consiste in un sostegno temporaneo all’alunno con disabilità o in situazione di disagio, che si propone di promuovere le risorse del minore per facilitare la sua integrazione nella vita relazionale e sociale del contesto scolastico.

Centro Sociale Polifunzionale

Descrizione

Il Centro Sociale Polifunzionale è un servizio a ciclo semi-residenziale per disabili adulti e minori dagli 11 ai 18 anni, autonomi e semiautonomi. Le modalità di funzionamento e di gestione del centro devono prevedere forme di coinvolgimento e partecipazione degli utenti e delle famiglie. La frequenza per i minori in età scolare deve essere organizzata in maniera compatibile con l’assolvimento dell’obbligo scolastico.

Attività

Il centro svolge le proprie attività per un minimo di 4 e fino a 10 ore giornaliere. Il centro pianifica le attività in base alle esigenze e agli interessi degli utenti. Tutte le attività sono aperte al territorio e organizzate attivando le risorse della comunità locale. Il centro organizza attività di animazione, di socializzazione e attività indirizzate allo sviluppo e al recupero dell’autonomia; deve, altresì, assicurare l’assistenza agli ospiti nell’espletamento delle attività e delle funzioni quotidiane, nonché la somministrazione dei pasti, in relazione agli orari di apertura.
Il centro organizza attività quali:

  • attività di segretariato sociale e orientamento all’offerta di servizi e prestazioni a favore dei disabili;
  • attività culturali;
  • attività laboratoriali;
  • attività ludico-ricreative;
  • corsi di ginnastica dolce;
  • iniziative di auto-mutuo-aiuto.

Destinatari

Persone con disabilità accertata ai sensi dell’art. 3 della Legge 104/92 residenti nei comuni dell’Ambito n19
Modalità di accesso
Accesso differito – subordinato all’esito dell’Unità di Valutazione Integrata (UVI), composta da professionisti del comparto sociale e sanitario che effettuano una “diagnosi” del bisogno socio-sanitario complesso, a partire dalla domanda espressa dall’utente e dalla sua famiglia.
Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza. Vedi giorni e orari di apertura al pubblico.

Elenco Centri Polifunzionali per disabili presenti sul territorio dell’Ambito n19
Centro Sociale Polifunzionale di Afragola
Indirizzo Via Cirillo, 71Afragola (Na)
Orari attività
Responsabile
Centro Sociale Polifunzionale di Caivano
Indirizzo Corso Umberto
Orari attività

Responsabile

Cure Domiciliari Sociali

Descrizione

L’Assistenza Domiciliare a carattere Socio-assistenziale  è un servizio rivolto a persone con limitata autonomia, che vivono da soli e/o che vivono con famiglie che non sono in grado di assicurare un buon livello di assistenza per la cura e l’igiene della persona e della casa e per il mantenimento delle condizioni di autonomia. La finalità del servizio è quella di favorire la permanenza della persona disabile nel suo ambiente abitativo e sociale e di accrescere la sua capacità di autodeterminazione, attraverso sia attività socializzanti, limitando il rischio di emarginazione sociale, sia prestazioni assistenziali, atte a prevenire malattie cronico – degenerative.

Attività

Le attività di assistenza consistono in:

  • aiuto per l’igiene e la cura della persona;
  • aiuto per la pulizia della casa;
  • lavaggio e cambio della biancheria;
  • preparazione dei pasti;
  • aiuto nello svolgimento di pratiche amministrative e di accompagnamento presso uffici;
  • sostegno per la fornitura o l’acquisto, su richiesta, di alimentari, indumenti, biancheria e di generi diversi nonché di strumenti o tecnologie per favorire l’autonomia;
  • attività di accompagnamento presso familiari e vicini e presso luoghi di interesse culturale o sportivo, finalizzata a mantenere o ristabilire relazioni affettive e sociali;
  • tutoraggio educativo;
  • attività di sostegno psicologico.

Destinatari
Persone disabili, minori e adulti,  residenti nei Comuni dell’Ambito n19.
Dove
Presso il domicilio dell’utente
Modalità di accesso
Accesso differito – subordinato all’esito di Valutazione del Servizio Sociale Professionale e successivamente ad una visita domiciliare da parte del personale preposto
Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico

Cure Domiciliari Integrate socio-sanitarie

Descrizione
L’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è un servizio rivolto a soggetti in condizioni di limitata  autosufficienza, non autosufficienti e/o di recente dimissione ospedaliera, che necessitano, oltre a prestazioni di assistenza domiciliare di tipo sociale (fornite dal Comune/Ambito) anche di prestazioni sanitarie (fornite dall’ASL di riferimento) che possono essere erogate in un contesto domiciliare e che non richiedono, pertanto, il ricovero in strutture residenziali sanitarie o ospedaliere al fine di favorire la permanenza nel loro ambiente di vita, evitando l’istituzionalizzazione e l’ospedalizzazione e consentendo loro una soddisfacente vita di relazione attraverso un complesso di prestazioni socio-assistenziali e sanitarie.
Attività
Il servizio comprende prestazioni di tipo socio-assistenziale e sanitario che si articolano per aree di bisogno. Esso è rivolto  prevalentemente a persone affette da malattie croniche invalidanti e/o progressivo-terminali. Il servizio può comprendere prestazioni, quali:

  • aiuto alla persona nello svolgimento delle normali attività quotidiane;
  • sostegno alla mobilità personale.
  • infermieristiche (fornita da personale sanitario e di competenza dell’Asl di riferimento);
  • riabilitative e riattivanti, da effettuarsi sotto il controllo del personale medico (fornita da personale sanitario e di competenza dell’Asl di riferimento).

Destinatari
Persone disabili, minori e adulti, in condizione di parziale o totale non autosufficienza residenti nei Comuni dell’Ambito n19
Dove
Presso il domicilio dell’utente

Modalità di accesso
Accesso differito – subordinato all’esito dell’Unità di Valutazione Integrata (UVI), composta da professionisti del comparto sociale e sanitario che effettuano una “diagnosi” del bisogno socio-sanitario complesso, a partire dalla domanda espressa dall’utente e dalla sua famiglia.
Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico  o presso i Medici di medicina Generale o presso le Unità Operative dei Distretti Sanitari.

Centro Diurno Integrato

Descrizione

Il Centro Diurno Integrato è una struttura a ciclo semiresidenziale con un livello di protezione sociale alto e con servizi di assistenza sanitaria di medio-alta intensità. I servizi di assistenza integrata erogati presso il Centro Diurno sono predisposti per:

  1. Accogliere ed ospitare soggetti con ridotta autonomia psicofisica e affetti da demenza che necessitano di prestazioni sanitarie specialistiche ed interventi tesi a mantenere e a stimolare le autonomie residue dell’individuo con prestazioni che possono essere erogate in regime diurno;
  2. Garantire il mantenimento di adeguati livelli di vita e di relazione sociale ed affettiva favorendo la continuità dei rapporti familiari;
  3. Limitare forme di istituzionalizzazione e favorire il legame con il proprio contesto sociale.

Destinatari
Minori residenti nei comuni del nostro Ambito N19 e in via prioritaria a quelli ch presentano problematiche di tipo socio-economico-educative o comunque esposti a situazioni di rischio
Modalità di accesso
Accesso differito – subordinato all’esito di Valutazione del Servizio Sociale Professionale
Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico. Elenco Centri Diurni Integrati presenti sul territorio dell’Ambito n19

Residenze Sanitarie RSA

Descrizione
Le residenze sanitarie assistenziali, che vengono identificate con l’acronimo RSA sono strutture non ospedaliere, ma comunque a impronta sanitaria, che ospitano per un periodo variabile da poche settimane al tempo indeterminato persone disabili non autosufficienti, che non possono essere assistite in casa e che necessitano di specifiche cure mediche di più specialisti e di una articolata assistenza sanitaria.
Attività

Tipicamente, in una RSA vengono garantite:

  • l’assistenza medica e infermieristica (fornita da personale sanitario e di competenza dell’Asl di riferimento);
  • l’assistenza riabilitativa (fornita da personale sanitario e di competenza dell’Asl di riferimento);
  • l’aiuto per lo svolgimento delle attività quotidiane;
  • l’attività di animazione e socializzazione;
  • le prestazioni alberghiere, di ristorante, di lavanderia, di pulizia.

Destinatari
Persone con disabilità accertata ai sensi dell’art. 3 della Legge 104/92 residenti nei comuni dell’Ambito n19
Dove
Presso l’RSA di Cardito, sita in Via Kennedy.  Modalità di accesso
Accesso differito – subordinato all’esito dell’Unità di Valutazione Integrata (UVI), composta da professionisti del comparto sociale e sanitario che effettuano una “diagnosi” del bisogno socio-sanitario complesso, a partire dalla domanda espressa dall’utente e dalla sua famiglia.

Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico  o presso i Medici di medicina Generale o presso le Unità Operative dei Distretti Sanitari.

Elenco RSA presenti sul territorio dell’Ambito n19

RSA Cardito
Via J. F. Kennedy – Tel. 081.8880515

Assistenza Scolastica

Descrizione
Il servizio prevede un sostegno socio educativo rivolto ad alunni con disabilità diretto ad assicurare il diritto allo studio attraverso forme di assistenza tali da facilitare la comunicazione, la socializzazione, l’inserimento, l’integrazione scolastica, l’apprendimento e lo sviluppo delle potenzialità residue individuali.
Il servizio mira a garantire la continuità fra i diversi gradi di scuola con percorsi educativi personalizzati ed integrati con altri servizi territoriali.
Destinatari
Alunni con disabilità certificata (legge 104/92) residente nei comuni dell’Ambito N19 che frequentano le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie e, in via prioritaria, minori diversamente abili inseriti in un percorso scolastico che presenta una disabilità grave, gravissima o medio grave ed alunni/e diversamente abili che necessitano un supporto alle attività formative ed educative.
Dove
Presso il domicilio, gli istituti scolastici
Modalità di accesso
Accesso differito – subordinato all’esito dell’Unità di Valutazione Integrata (UVI), composta da professionisti del comparto sociale e sanitario che effettuano una “diagnosi” del bisogno socio-sanitario complesso, a partire dalla domanda espressa dall’utente e dalla sua famiglia.
Per informazioni
Rivolgersi all’Ufficio di Segretariato Sociale o Antenna Sociale del proprio Comune di residenza giorni e orari di apertura al pubblico  o presso i Medici di medicina Generale o presso le Unità Operative dei Distretti Sanitari.

Allegati